Covid, Agenas: occupazione intensive sale in 8 regioni, 20% a Trento. I DATI

Secondo il monitoraggio quotidiano dell’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali, che confronta i dati dei giorni precedenti di dicembre oltre la soglia ci sono anche Calabria, Marche, Liguria, Bolzano, Lazio, Friuli, Veneto. In 5 regioni sale l’occupazione dei posti in reparti di area medica

In 8 regioni italiane sale la percentuale di posti nelle terapie intensive occupati da parte di pazienti Covid, secondo quanto emerge dal monitoraggio quotidiano dell’Agenas (Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali) che confronta i dati del 12 dicembre con quelli del giorno precedente, bisogna vedere i dati del 15 dicembre.

Nella Provincia autonoma di Trento, la percentuale arriva al 20%, nelle Marche (al 14%), nel Lazio (al 12%), in Piemonte e Umbria (all’8%), in Campania, Sicilia e Toscana (al 6%) .

l tasso di occupazione scende invece in Calabria all’11% e Liguria al 12% e Bolzano (19%) e Toscana (all’8%). Restano stabili oltre la soglia del 10% in Friuli (al 15%) e Veneto (13%).

Cresce invece in 5 regioni il tasso di occupazione dei posti letto nei reparti in area medica, o non critica, da parte di pazienti Covid

Si tratta della Pa di Bolzano (al 18%), della Calabria (al 17%), della Pa di Trento (al 16%), di Emilia Romagna e Sicilia (all’11%) 

Restano stabili oltre la soglia del 15%, uno dei tre parametri che determinano il passaggio delle regioni in zona gialla, Liguria (al 13%), Valle d’Aosta (al 19%) e Friuli Venezia Giulia (al 23%)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *