La mafia del Gargano inizia nuovamente a sparare,i rifiuti sono il loro business.Ferito il fratello di un noto boss. Indagini in corso per ricostruire dinamica

Pinuccio Ricucci ferito,fratello del boss “Fic Secc”deceduto ammazzato. 

Il sistema di smaltimento dei rifiuti urbani nella capitanata da molto tempo è nell’interesse della malavita foggiana e garganica. Nelle prime luci della giornata a Monte Sant’Angelo c’è stata una sparatoia ad un mezzo di trasporto di rifiuti soliti urbani,condotto da un parente stretto di un noto boss garganico. Sul posto sono  intervenuti i Carabinieri della locale Stazione con i tecnici delle rilevazioni scientifiche. Da un primo sopralluogo sono stati scaricati molti proiettili che hanno preso il lato sinistro del mezzo. Il conducente noto alle forze dell’ordine è Pinuccio Ricucci fratello di Pasquale noto capo della mafia garganica. La zona dove c’è stato l’attentato è denominata Macchia. La raccolta dei rifiuti viene svolta dalla società Tecneco che già in precedenza era stata interessata dalla prefettura di Foggia per un provvedimento interdittivo dopo vari attentati della malavita. Il Ricucci è stato ricoverato presso l’ospedale di san Giovanni Rotondo ed in terapia intensiva essendo stato ferito sul petto e il lato sinistro del volto. 

Il business dell’ immondizia è controllato dalla mafia che impone alle città e alle società che svolgono tale servizio un “balzello” perche le cifre sono molto interessanti sia come trasporto che come smaltimento. Ricordiamo che sia il gargano che le zone limitrofe San Severo,Apricena,Torremaggiore, Chieuti,Poggio Imperiale, Cerignola e Orta Nova sono state  interessate per lo  smaltimento essendo un territorio agricolo molto ampio senza un controllo,anzi senza un apparente controllo perché tutti vedono e sanno ma non parlano. Ricordiamo l’ultima operazione della DIA di un milione e mezzo di euro , con vari sequestri di quote societarie e di appartamenti presso un centro di raccolta di ferro sulla strada tra San Severo e Apricena.

Sarà l’ennesimo avvertimento o un nuovo inizio di una guerra?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *