Nuova ordinanza Speranza firma, ecco quali 5 regioni in zona arancione

Il Ministro Speranza firma il nuovo decreto identificando 5 Regioni con un RT elevato e pertanto in zone dove ci devono essere delle restrizioni tali da ridurre il contagio.

Il Governo vuole assolutamente  trovare delle nuove misure per i giorni a seguire.Questo fine settimana tutta l’Italia si troverà in zona arancione, quindi non sarà possibile uscire dal comune di residenza obbligo rimanere nel proprio comune.

Dal 10 al 15 si definiranno nuove disposizioni per tutelare la salute pubblica. Il Ministro Speranza  ha  annunciato che saranno le 5 Regioni a piu’  alto rischio che entreranno sicuramente in zona arancione.

In Italia la curva dei contagi “era rallentata ma subito dopo c’è stato un aumento in questa fine settimana Il presidente dell’Istituto superiore di sanità Silvio Brusaferro alla conferenza stampa sull’analisi dei dati del Monitoraggio Regionale della Cabina di Regia ha parlato chiaro , “ ha mostrato una ripresa nella curva dei contagi, la situazione potrebbe essere rischiosa e molto pericolosa.”L’indice  Rt troppo alto che entreranno in zona arancione dal 10.

L’indice Rt è salito sopra l’1 in molte regioni, questo dato ha fatto prendere decisioni che riaprire può portare ad un fanno pertanto chiudere è molto meglio.Vediamo quali sono le regioni più critiche.

La situazione dell’indice nelle Regioni, le 5 più a rischio zona arancione Sicilia, Veneto, Emilia Romagna, Lombardia e Calabria. Sono queste le 5 regioni che rimarranno in zona arancione anche dal 10 al 15 gennaio, fino al nuovo Dpcm. Intanto, però, secondo l’Iss sono 12 le regioni totali a rischio.

Tre regioni hanno un Rt maggiore di uno (Calabria, Emilia-Romagna e Lombardia) quindi sicuramente in zona arancione; altre 6 (Liguria, Molise, Sardegna, Sicilia, Umbria, V. d’Aosta/V./d’Aoste) lo superano nel valore medio, e altre quattro lo raggiungono (Puglia) o lo sfiorano (Lazio, Piemonte e Veneto).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *