A Foggia il “Registro della bigenitorialità” ora ha anche il suo regolamento, approvato all’unanimità dalla Commissione consiliare del Comune lo schema di funzionamento dell’organismo

Approvato ieri nella competente commissione il regolamento per il funzionamento del “Registro della bigenitorialità”. La mozione per la istituzione del Registro a firma del consigliere Di Mauro era stata approvata all’unanimità nel Consiglio Comunale del 27 febbraio 2020. Con il voto favorevole unanime della commissione regolamento il Registro ora ha il suo strumento di attuazione che dopo l’approvazione definitiva nel prossimo consiglio comunale diventerà operativo e funzionante presso l’ufficio anagrafe consentendo anche su richiesta di uno solo dei due genitori – se pur in regime di separazione – di iscrivere il minore, cosi da far pervenire tutte le informazioni inerenti la vita e lo sviluppo del bambino – quali ad esempio visite mediche, iscrizioni o colloqui scolastici, pagelle, eventi religiosi o impegni extrascolastici – ad entrambe le residenze genitoriali, al fine di condividere questi momenti di crescita sia con la mamma che con il papà, specialmente in quei casi in cui fra gli ex coniugi non corrano più cordiali rapporti. “Ringrazio tutti i componenti della Commissione regolamento – dichiara il consigliere proponente Raffaele di Mauro – per il lavoro svolto e per l’approvazione del regolamento di funzionamento di questo prezioso strumento che darà modo a tanti genitori separati di poter apprendere istantaneamente delle attività riguardanti la crescita dei propri figli, restituendo in molti casi il diritto alla genitorialità – violato a volte dallo incrinarsi dei rapporti fra ex coniugi. Come non può mancare il ringraziamento all’Associazione “Sei Forte Papà” e al suo presidente Sergio Turi che hanno sollecitato e chiesto l’istituzione del Registro anche qui a Foggia e la cui attività giornaliera tanto fa e ancora farà per tanti genitori che vivono la sofferenza della separazione dai propri figli. Ora sarà importante, – oltre che con l’impegno del Comune – anche tramite l’attività di realtà impegnate sul territorio come “Sei Forte Papà”, divulgare e far conoscere l’esistenza del “Registro della bigenitorialità”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *