Israele Israele è campione del mondo di vaccinazione contro il virus corona. Eppure gli ospedali continuano a riempirsi e il paese rimane bloccato. Come è possibile?

Pollice in alto, ago nel braccio. Mentre molte persone anziane nei Paesi Bassi devono ancora aspettare la loro iniezione, in Israele i trentenni e quarantenni stanno già scattando orgogliosi selfie con la loro nuova vaccinazione contro il Covid-19. Più di tre milioni di israeliani hanno ricevuto la loro prima dose del vaccino Pfizer, un terzo della popolazione. Di loro, 1,8 milioni di persone hanno già ricevuto le due iniezioni necessarie. I fondi di assicurazione sanitaria israeliani chiedono ora che le persone di età superiore ai 35 anni vengano vaccinate, oltre ai giovani di età compresa tra 16 e 18 che dovrebbero laurearsi presto.

Eppure non c’è motivo di esultare. Nonostante il ritmo frenetico delle vaccinazioni, questa settimana Israele è stata costretta a estendere il blocco nazionale, doppie sanzioni corona e mantenere chiuso l’aeroporto internazionale di Tel Aviv. A gennaio si sono verificati in media 43 morti al giorno per Covid-19, più di ogni altro mese dallo scoppio dell’epidemia. Il numero di infezioni non sta diminuendo velocemente come sperato; ci sono ancora circa 5.000 nuovi casi ogni giorno. Il numero di pazienti gravemente ammalati rimane elevato.

È troppo presto per vedere l’effetto delle vaccinazioni per diversi motivi. Israele ha iniziato a vaccinare alla fine di dicembre. Le persone hanno bisogno di due vaccinazioni per ottenere una protezione (quasi) completa e il vaccino non funzionerà dal primo giorno. È vero che i tre quarti degli ultracinquantenni israeliani sono stati vaccinati, ma solo quelli vaccinati dal primo turno sono già inclusi nelle statistiche. Inoltre, i più grandi diffusori del virus sono i giovani. Solo in poche settimane sarà vaccinato un numero sufficiente di persone per vedere una diminuzione significativa. Ci sono anche mutazioni emergenti, ancora più contagiose, del virus. La variante britannica si sta diffondendo più velocemente di quanto il programma di vaccinazione possa contrastare; Inoltre, non è chiaro quanto bene il vaccino protegga dalla variante sudafricana.

Un altro problema è l’applicazione inadeguata del blocco. In un pomeriggio soleggiato, ogni panchina o marciapiede del centro di Tel Aviv è occupata. I bambini in scooter cavalcano via i calzini dalle coppie che passeggiano. Sebbene negozi e caffè siano ufficialmente chiusi, alcuni imprenditori stanno ancora cercando di ottenere un po ‘di entrate dalla porta sul retro o dalla “consegna” a pochi metri di distanza.

Domenica, migliaia di ultraortodossi sono scesi in piazza a Gerusalemme per seppellire due amati rabbini morti di corona. A differenza dei recenti disordini in varie città con giovani ultraortodossi, questa volta la polizia è appena intervenuta, dicendo che non voleva provocare un massacro.

Per molti israeliani laici, questo è stato l’ennesimo segno che gli ultraortodossi in Israele sono al di sopra della legge. I critici dicono che la reticenza ha tutto a che fare con il potere politico dei partiti ultraortodossi.

Quelli che tremano alla parola di Dio

Mentre gli ultraortodossi o “haredim” (“coloro che tremano” alla parola di Dio) costituiscono circa il 12 per cento della popolazione, rappresentano quasi il 30 per cento delle infezioni. Ciò è in parte dovuto a circostanze, come alloggi angusti e famiglie numerose, e in parte a causa del limitato rispetto delle regole. “È una comunità sociale”, dice un’anziana signora nella città ultra-ortodossa di Bnei Brak, che indossa ordinatamente una maschera per la bocca. “Un matrimonio qui, un matrimonio là …”

Resta da vedere chi vince, il vaccino o il virus. Mentre l’entusiasmo per le vaccinazioni è generalmente alto, alcuni rimangono sospettosi. A Bnei Brak ci sono tracce di una campagna anti-vaccinazione. “Vaccino = eliminare”, lettere bianche e rosse su un volantino nero gridano. La percentuale di vaccinazioni è bassa anche nei villaggi e nelle città arabe in Israele.

E poi ci sono i territori palestinesi occupati, dove quasi nessuno è stato vaccinato. Israele ha promesso domenica di inviare 5.000 vaccini, un numero trascurabile su un milione di abitanti.

C’è anche una divergenza di opinioni tra gli esperti sul fatto che Israele sia legalmente responsabile della vaccinazione della popolazione palestinese. Tuttavia, la vaccinazione sarebbe anche nell’interesse di Israele, afferma l’esperto di vaccinazioni ManfredGreen .Il virus non si ferma a un checkpoint. “Se ignoriamo i palestinesi, mettiamo in pericolo il nostro stesso popolo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *